La psicosomatica, dettagli sulla scienza

I sintomi fisiologici ci parlano delle nostre emozioni. E’ questo quello che afferma la psicosomatica, la scienza che studia la connessione tra disturbi fisici e quelli della sfera emotiva.

psicosomatica

Lo Stomaco

Nella maggior parte dei casi l’organo che soffre di più, quello che si fa messaggero dei nostri turbamenti è lo stomaco.

Lo stomaco simboleggia il modo in cui ti relazioni con gli affetti, il partner e la famiglia, ma anche le soddisfazioni o i problemi sul lavoro.

Se sei una persona equilibrata prendi in considerazione il pensiero altrui ma senza esagerare.

Spesso, invece, i disturbi legati allo stomaco sono segno di conflitto interiore tra dipendenza e indipendenza dagli altri. Magari si fa fatica a digerire quel che ci è stato detto e lo stomaco ne risente.

La prossima volta che ti capita di avvertire un peso sullo stomaco, analizza il momento, il luogo e le persone che ti circondano. Quando hai individuato il «disturbatore» tira un sospiro di sollievo e goditi quel momento di consapevolezza. Piano piano imparerai a gestire quella relazione così complicata o irritante in modo che non ti arrechi più danno.

Dallo stomaco passiamo all’intestino, quella zona d’ombra dove conserviamo tutte le nostre emozioni più negative, dalla rabbia all’ansia, dalla tristezza alla malinconia.

Ebbene sì, in quei 22 metri di lunghezza ogni giorno si combattono le nostre lotti più viscerali, lì scarichiamo le nostre frustrazioni e i nostri problemi.

Analizza la tua regolarità, corrisponde al tuo stato interiore.

Ma per capire se quell’emozione è negativa davvero, e non solo fisiologica, devi provarla, conoscerla e viverla.